Separazione – Consulenza Tecnica – Famiglia

Print Friendly

Secondo la corte  il giudice di merito può legittimamente tenere conto, ai fini della sua decisione, dei  risultati di una c.t.u. acquisita in un diverso processo  anche di natura penale ed anche se celebrato tra altre parti, atteso che, se la relativa documentazione viene ritualmente acquisita al processo civile, le parti del processo civile possono farne oggetto di valutazione critica e stimolare la valutazione giudiziale su di essa ). Non rileva a tale proposito che tale c.t.u. fosse stata eseguita in un giudizio di cui è stata successivamente dichiarata la nullità per vizio di costituzione del giudice – nella specie perchè si trattava  di controversia di competenza del giudice collegiale decisa dal giudice monocratico non togato. Ciò che conta, infatti, è che l’accertamento del c.t.u. sia stato ritualmente acquisito nel presente giudizio e che su di esso vi sia stato il contraddittorio tra le parti, circostanza che il ricorrente  non ha in alcun modo contestato.

Depositata in Cancelleria il 13 maggio 2009
 

Lascio un commento