Nullità del contratto preliminare di vendita di un immobile non in regola con la normativa urbanistica

Print Friendly

La Suprema Corte di Cassazione, seconda sezione civile, con la sentenza 23591 del 17/10/2013, ha affermato che il contratto preliminare avente per oggetto la vendita di un immobile irregolare dal punto di vista urbanistico è da considerare nullo perchè viziato da irregolarità e non conforme alla normativa vigente, trattandosi oltretutto di questione che non può trovare rimedio e collocazione nella disciplina dell’inadempimento. La decisione ribalta l’indirizzo prevalente in seno alla giurisprudenza di legittimità cercando di risolvere la delicata questione delle conseguenze dell’alienazione di immobili affetti da irregolarità urbanistiche.