Guida in stato di ebbrezza e tasso alcolemico

Print Friendly

Secondo i giudici di merito se risulta impossibile ritenere con assoluta certezza il superamento della soglia di stabilizzazione del valori emo-etilici al momento del sinistro, deve risolversi il dubbio a favore dell’imputata e assumere, quindi, i valori di cui alla lett. b) dell’art.186 secondo comma del codice della strada, escludendo l’applicabilità della fattispecie di cui all’art. 186, secondo comma, lett. c) del codice della strada. E’ quanto emerge dalla sentenza 29 gennaio 2014, n. 594 della Prima Sezione Penale della Corte d’Appello di Milano.