La comunicazione effettuata in cancelleria della Cassazione

Print Friendly

La Corte di Cassazione sezione lavoro con la sentenza n.9876/2014 del 7/5/2014 è tornata a pronunciarsi sul tema della domiciliazione, principio ormai consolidato del giudice di legittimità in ordine alla domiciliazione ex art. 366 c.p.c., si è evidenziato come la domiciliazione ex lege presso la cancelleria opera unicamente quando non sia possibile effettuare la comunicazione a mezzo PEC. La sentenza, rileva che viene espressamente precisato che sussiste un doppio regime normativo, relativamente alla domiciliazione ex lege presso la cancelleria della Corte di Cassazione, la cui linea di confine temporale è la data del 1/1/2012; Infatti, da questa data in poi è in vigore la nuova formulazione dell’art. 366 c.p.c. che è stato modificato dall’art. 25 della Legge 12/11/2011, n. 183 con l’aggiunta della seguente espressione «ovvero non ha indicato l’indirizzo di posta elettronica certificata comunicato al proprio ordine».