Riduzione del guadagno per ridotta capacità lavorativa

Print Friendly

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 13245 del 11/06/2014  osserva che, nel caso di fatto illecito lesivo della persona, il danno patrimoniale futuro è da valutare su base prognostica ed il danneggiato, tra le prove, può avvalersi anche delle presunzioni semplici. La riduzione della capacità di lavoro specifica, se provata e non rientra tra i postumi permanenti di piccola entità è possibile presumersi che anche la capacità di guadagno risulti ridotta nella sua proiezione futura, non necessariamente in modo proporzionale, qualora la vittima già svolga un’attività o presumibilmente la svolgerà. Tuttavia, l’aggravio, in concreto, nello svolgimento dell’attività già svolta o in procinto di essere svolta deve essere dedotto e provato.