Inammissibili i ricorsi per decreto ingiuntivo depositati “in cartaceo”

Print Friendly

TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA

Il Giudice

esaminato il ricorso per decreto ingiuntivo depositato da SOCIETA’ SRL (C.F. OMISSIS), rilevato che “A decorrere dal 30 giugno 2014, per il procedimento davanti al tribunale di cui al libro IV, titolo I, capo I del codice di procedura civile, escluso il giudizio di opposizione, il deposito dei provvedimenti, degli atti di parte e dei documenti ha luogo esdusivamente con modalita telematiche, nel rispetto della normativa anche regolamentare concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici” (art. 16 bis cl.I. 18.10.2012, n. 179) Rilevato che il ricorso e la relativa documentazione sono stati “depositati in cartaceo” presso la Cancelleria Ritenuto che l’impiegata modalita di proposizione della domanda monitoria difforme dalla succitata prescrizione normativa, comporti l’inammissibilità del ricorso

dichiara inammissibile

il ricorso iscritto al n. r.g. 4575/2014.

REGGIO EMILIA, 30 giugno 2014  Giudice dott. Giovanni Fanticini