Contributo di costruzione esenzione per Poste Italiane

Print Friendly

Per la realizzazione di manufatti funzionali all’esercizio del servizio pubblico postale (l’ampliamento di un edificio adibito a Centro Postale Meccanizzato); Poste Italiane S.p.a. ha diritto ad usufruire del beneficio dell’esonero del contributo di costruzione, così come previsto dall’ex art. 9, comma 1, lett. f), L. 28 gennaio 1977, n. 10 (oggi art. 17, comma 3, lett. c), D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380). Nel caso di specie sussistono sia il requisito “soggettivo”, in quanto si è in presenza di un soggetto investito del potere di realizzare l’opera pubblica nel quadro di un regime concessorio, sia quello “oggettivo”, relativo alla natura dell’intervento assentito e alla sua idoneità strumentale a realizzare un pubblico servizio, in quanto la costruzione o l’ampliamento di un Centro postale meccanizzato integra la fattispecie di una struttura realizzata tipicamente al fine di soddisfare un servizio pubblico quale quello postale. E’ il principio espresso nella sentenza del Consiglio di Stato, Sez. IV del 23 febbraio 2015 n. 861.