Gli squilli telefonici muti costituiscono reato

Scatta la condanna per molestie telefoniche nei confronti di chi fa ripetuti squilli, sul fisso o sul cellulare di una persona, pur essendo “muti”, cioè non dicendo nulla nella cornetta. Si configura, infatti, il reato previsto e punito dall’articolo 660

Questo contenuto è riservato ai membri iscritti del sito. Se sei iscritto, effettua il login. I nuovi utenti possono registrarsi qui sotto.

Utenti collegati esistenti
   

Articoli Correlati