Risposte evasive, prove inattendibili

Il disposto dell’art. 232 c.p.c., nella parte in cui statuisce che il collegio, valutato ogni altro elemento di prova, puo’ ritenere come ammessi i fatti dedotti nell’interrogatorio, e’ applicabile anche in caso di dichiarazioni che, per il loro tenore evasivo

Questo contenuto è riservato ai membri iscritti del sito. Se sei iscritto, effettua il login. I nuovi utenti possono registrarsi qui sotto.

Utenti collegati esistenti
   

Articoli Correlati