L’irap colpisce anche l’avvocato

Non sfugge all’Irap il professionista che si serve della collaborazione altrui, anche se è una collaborazione non strutturata a tempo pieno. Lo stabilisce una recente sentenza del 2010, emessa dalla sezione tributaria della Corte di  Cassazione.

Questo contenuto è riservato ai membri iscritti del sito. Se sei iscritto, effettua il login. I nuovi utenti possono registrarsi qui sotto.

Existing Users Log In