Uccidere un animale per necessità non è reato

La Seconda Sezione Penale della Suprema Corte di Cassazione, con la sentenza n.43722 del 2010 ha annullato la condanna a pagare 140 euro di ammenda più un risarcimento danni da stabilire in sede civile, per il reato di uccisione di un animale

Questo contenuto è riservato ai membri iscritti del sito. Se sei iscritto, effettua il login. I nuovi utenti possono registrarsi qui sotto.

Utenti collegati esistenti
   

Articoli Correlati