Evita l’espulsione solo chi convive con il coniuge

La prima sezione penale della Cassazione con la sentenza n.7912 depositata lo scorso 18 febbraio, precisa che è necessaria la convivenza con il coniuge per ottenere il ricongiungimento familiare ed evitare così l’espulsione del clandestino. 

Questo contenuto è riservato ai membri iscritti del sito. Se sei iscritto, effettua il login. I nuovi utenti possono registrarsi qui sotto.

Existing Users Log In