Si esprime la Cassazione sulla tassa di concessione governativa di telefonia mobile

La Corte di Cassazione  con l’ordinanza n.12056 del 17 maggio 2013, sostiene che Il fondamento del diritto al rimborso della tassa versata non va pertanto rinvenuto, nella “liberalizzazione della fornitura di servizi di comunicazione elettronica” – essendo del tutto inconferente,

Questo contenuto è riservato ai membri iscritti del sito. Se sei iscritto, effettua il login. I nuovi utenti possono registrarsi qui sotto.

Existing Users Log In