Accesso con inganno in un domicilio, fa scattare il reato di violazione di domicilio

Secondo la Corte di Cassazione, sezione V Penale, con la sentenza n. 46460 del 23 Novembre 2015, scatta il reato di violazione di domicilio, quando si ci introduce nel domicilio altrui, contro il volere del proprietario utilizzando la forma dell’inganno.

Questo contenuto è riservato ai membri iscritti del sito. Se sei iscritto, effettua il login. I nuovi utenti possono registrarsi qui sotto.

Existing Users Log In